Scrivici!










Seguici su:
22/10/2018
HomeSvagoIl Fornello del FuorisedeEXCURSUS CULINARIO IN ABRUZZO: LE “PALLOTTE CACE E OVE”

EXCURSUS CULINARIO IN ABRUZZO: LE “PALLOTTE CACE E OVE”

Simbolo della cucina popolare abruzzese, le “pallotte cace e ove” (le polpette cacio e uova) sono l’emblema della tradizione pastorale e il simbolo della cucina povera di questa regione.

In alternativa alle polpette di carne, le “pallotte” condite con dell’ottimo sugo sono un gustosissimo piatto che possiamo realizzare tutti con pochi semplici ingredienti.

Per 4 persone abbiamo bisogno di:

Per le polpette

  • 4 uova
  • 200 g. di pecorino (quello abruzzese è il migliore, ovviamente) semi-stagionato grattugiato
  • 150 g. di formaggio semi-stagionato grattugiato di mucca
  • 100 g. di parmigiano grattugiato (nella ricetta originale non è presente, ma si può aggiungere)
  • 1 spicchio d’aglio
  • Prezzemolo
  • 80 g. di mollica di pane raffermo sbriciolata
  • Olio per la frittura

Per il sugo

  • passata di pomodoro
  • aglio
  • basilico
  • mezzo peperone rosso
  • peperoncino piccante

In una ciotola, amalgamare i formaggi con le uova, il pane grattugiato, uno spicchio d’aglio tritato e un rametto di prezzemolo fino ad ottenere un impasto morbido. Realizzare le polpette e friggerle nell’olio bollente fino a quando saranno belle dorate.

Nel frattempo, preparare il soffritto (in assenza del tegame di coccio utilizzato in Abruzzo, ci accontentiamo di una semplice pentola) con olio, aglio, il peperone tagliato a pezzi, il peperoncino e del prezzemolo. Aggiunta la passata, farla asciugare per 10 minuti. Immergere le polpette e farle insaporire per altri 20 minuti (in Abruzzo si abbonda sempre, il tempo dipende da quanto vogliamo che le polpette si insaporiscano) a fiamma lenta.

Con poche semplici mosse ecco per voi un’ottima alternativa alle solite polpette!

Buon appetito!

Tonia Imbastaro

Fallo sapere anche su:




Nessun Commento

Lascia un Commento

css.php