Scrivici!









Seguici su:
17/01/2019
HomeSvagoIl Fornello del FuorisedeIl Fornello dell’Avvento: gli Struffoli

Il Fornello dell’Avvento: gli Struffoli

L’origine di questi prelibati dolcetti è molto antica, risale all’arrivo dei Greci sulle coste italiane, intorno all’VIII secolo a.C. È facile, dunque, trovare la tradizione culinaria degli Struffoli nella gran parte dei territori dell’antica Magna Grecia, ma anche in territori limitrofi che sono venuti a conoscenza della ricetta molti secoli più tardi, come l’Abruzzo, la Tuscia e Palermo.

A convalidare sempre di più l’origine arcaica degli Struffoli è il loro stesso nome, derivante dalla parola στρόγγυλος (pronuncia “strongoulos”) che significa “di forma tondeggiante”, da qui, la classica forma a pallina.

 

Ma ecco gli ingredienti ed i procedimenti per realizzare gli Struffoli:

 

INGREDIENTI

  • 400 gr. FARINA 00
  • 4 UOVA
  • 50 gr. BURRO
  • 40 gr. ZUCCHERO
  • SCORZA D’ARANCIA
  • 1 bicchierino di LIQUORE all’ANICE
  • 1 pizzico di SALE
  • OLIO DI SEMI (per friggere)
  • 500 gr. MIELE
  • 100 gr. CORIANDOLINI MULTICOLORE

 

 

Impasto

  1. Per prima cosa fondete il burro e mentre lo lasciate intiepidire, versate la farina sul tavolo da lavoro, “a montagnella”.
  2. Allargate, delicatamente, al centro, la farina ed in questa scodella immaginaria versate le uova; mentre iniziate ad impastare con le mani, aggiungete lo zucchero, la scorza d’arancia, un pizzico di sale, il burro fuso ed un bicchierino di anice.
  3. Continuate ad impastare energicamente fino a quando non otterrete un panetto compatto.
  4. Lasciate riposare il panetto per almeno 30 minuti, disponendolo in una ciotola e coprendolo con un canovaccio.
  5. Dal vostro panetto iniziate a prendere delle porzioni di impasto (una alla volta) e modellatele a forma di bastoncini di circa 1 cm. di diametro (la lavorazione è simile a quella dei maccheroni).
  6. Una volta modellati tutti i bastoncini, procedete tagliandoli in piccoli pezzettini e disponeteli, man mano che li tagliate, su un lenzuolo spolverato di farina, facendo molta attenzione a non sovrapporli.

 

Cottura

  1. Prendete una padella coi bordi rialzati o una pentola grande, riempitela di olio di semi e lasciate che l’olio arrivi alla temperatura ottimale di 180°C; una volta raggiunto il punto di cottura, versate i pezzettini di impasto (a seconda della capienza della pentola/padella) in più serie, non tutti in una volta, e lasciateli friggere per 2 – 3 minuti. Quando gli Struffoli saranno belli dorati, procedete rimuovendoli con una schiumarola e scolandoli su un vassoio ricoperto di carta assorbente.

 

Decorazione

  1. Mentre lasciate gli struffoli raffreddare, versate il miele in una pentola e fatelo sciogliere a fuoco basso; togliete dal fuoco il miele e versate nella pentola gli struffoli, mescolando per amalgamare il tutto.
  2. Sul piatto da portata, mettete al centro un barattolo di vetro (servirà per creare la tipica forma a ciambella) ed iniziate a distribuire, tutto attorno al barattolo, gli struffoli.
  3. Spolverizzate gli struffoli con i coriandolini colorati.

 

 

Nella preparazione degli Struffoli, nulla è lasciato al caso e nella loro storia così antica e nelle loro mille varianti, un segreto ben nascosto ci fa comprendere in maniera completa il motivo della loro preparazione in periodo natalizio.

Già nei Salmi si trova l’immagine del “miele di roccia” come dono di Dio riservato al popolo ebraico, ma solo dopo, nei Vangeli, si fa esplicito riferimento al corpo di Cristo con l’immagine di una “roccia che secerne miele”. Non è, dunque, un caso, che il miele sia il legante fondamentale degli Struffoli e che questi, nelle sembianze di un roccioso terreno dorato, racchiudano un ricco messaggio dal dolce sapore.

Fallo sapere anche su:




Nessun Commento

Area Commenti Chiusa.