Scrivici!










Seguici su:
22/10/2018
HomeAttualitàScienzaL’Ambiente e la Natura per una “nuova ecologia”

L’Ambiente e la Natura per una “nuova ecologia”

Quando si parla di ecosistemi naturali e di ambiente di solito ci si riferisce a questi due “sistemi” in termini di limitazioni, di divieti, di privazioni, intese queste ultime come rinunce a usufruire di qualcosa di bello, piacevole ed emotivamente rilassante.

Eppure a volte non è semplice immaginare e trovare qualcosa di più bello che fermarsi alcuni istanti in un giardino fiorito, in un parco o in qualsiasi posto che abbia un panorama “verde”.

A questo assunto deve essersi ispirato Antonio Cianciullo, giornalista de “La Repubblica” ed esperto di tematiche ambientali, per il suo ultimo libro “Ecologia del desiderio – curare il pianeta senza rinunce”, che è stato presentato, in una versione teatralizzata ironica e autoironica, al Chiostro del complesso didattico San Niccolò presso il Dipartimento di Filologia e critica delle letterature antiche e moderne dell’Università di Siena venerdì 5 ottobre.

L’autore, in un dialogo con Alberto Fortuzzi, attore e regista, propone una nuova chiave di lettura per l’ecologia, intesa come fonte di piaceri e di occasioni.

Il genere prevalente in campo ambientale è la lamentazione. Serve una proposta che dia la carica giusta, un’idea seduttiva. Meno paura, più speranza.

Siamo sull’orlo della prima estinzione di massa causata da una sola specie, quella che si autodefinisce sapiens.
Lanciare l’allarme è giusto: dobbiamo cambiare il modo di produrre e di vivere.

Cianciullo afferma che è necessario un progetto largamente condiviso che sia in grado di migliorare i grandi numeri: grandi zone verdi che possano rigenerare le persone emotivamente e psicologicamente, alimenti che diano piacere senza arrecare danni alla salute, edifici a basse emissioni e di grande comfort, energia pulita ed efficiente, sistemi di trasporto più sicuri, più celeri e più rilassanti.

La conclusione del pensiero dell’autore è che per far sì che tutto diventi realtà bisogna rendere la prospettiva ecologista affascinante, desiderabile, seduttiva, in sintesi facile da raggiungere.

Corrado Romano

Fallo sapere anche su:




Nessun Commento

Lascia un Commento

css.php