17/06/2019
HomeSvagoSex&theSienaIl modus operandi dell’S.M. (meglio noto come Stronzo Merda)

Il modus operandi dell’S.M. (meglio noto come Stronzo Merda)

Lo Stronzo Merda è un esemplare di sesso maschile appartenente alla razza umana (o almeno così dicono).
Lo Stronzo Merda (che d’ora in poi, per comodità, chiameremo semplicemente S.M.) è una specie estremamente diffusa sul globo terrestre e il suo numero di esemplari fa invidia a quello dei batteri ma, a causa di un’inspiegabile combinazione di elementi favorevoli (o sfavorevoli, a seconda dei punti di vista) il suo habitat ideale sembra essere proprio la nostra Siena.

L’S.M., innanzitutto, non è da confondere con lo Stronzus vulgaris, del quale rappresenta un’evoluzione (o involuzione?), insomma è una sorta di Stronzo 2.0. Perché, a differenza dello Stronzo comune che molto banalmente ti scopa e poi non ti caga (magari gli fai discretamente schifo e, dopotutto, non possiamo fargliene una colpa), presenta una componente di subdola cattiveria della quale neanche le sfigate più navigate sono ancora riuscite a individuare l’origine.

La preda dell’S.M. è qualunque e dico QUALUNQUE esemplare di sesso femminile, ebbene sì, povere le mie illuse, neanche le donne più scaltre e intelligenti sono immuni dalla sua caccia spietata. Peraltro, per qualche inspiegabile ragione, spesso sono le stesse prede a gettarsi a capofitto, con slancio autolesionista, nella rete dell’S.M.

Ma in parole povere, qual è il primo segnale che ci fa capire che il ragazzo carino e, magari, anche gentile e premuroso che ci sta di fronte è in realtà un S.M.?Partiamo dal presupposto che fidarsi è bene, non fidarsi è meglio SEMPRE E COMUNQUE.
Tuttavia, il modus operandi dell’S.M. è riconoscibile in alcune mosse comuni a tutti gli esemplari della specie (anche se, ve lo dico per esperienza personale, è più facile individuare i segnali col senno di poi che di prima e se ve lo state chiedendo la risposta è: sì, a volte siamo veramente delle cretine).

Prima di tutto l’S.M. dà inequivocabili segni di interesse nei vostri confronti e con inequivocabili intendo OGGETTIVI, no non siete voi le pazze sottone che immaginate sguardi, sorrisini, ammiccamenti, non sfuggono neanche all’occhio disinteressato di chi non vi conosce affatto.
A questo punto, che voi abbiate già notato o no il ripugnante essere suddetto, SIETE FOTTUTE, anche se ancora non ne siete consapevoli perché, ahimè, l’S.M. ha sempre un certo fascino (fisico, intellettuale, da bello e dannato; a ciascuna il suo insomma).

Ebbene sì, e la seconda mossa dell’S.M. sarà quella di dimostrarsi sinceramente interessato a voi, vi farà sentire la più bella della festa, la reginetta del ballo, la principessa dei suoi sogni e voi ci cascherete come deficienti alle prime armi, anche se di balli e principesse non vi è mai fregato nulla. E parte con messaggi a tutte le ore che su-whatsapp-ci-sono-solo-per-te-amore-mio, vi chiede di uscire tutti i giorni, a tutte le ore (perché-sono-preso-veramente, TU-MI-PIACI!), addirittura passeggiate MANO NELLA MANO (non so se mi spiego) che voi pensate: “ma questo che vuole? Oddio, ma sta già sotto?” (Povere stolte). E, per chiudere in bellezza, le frasi romantiche prima, durante e dopo il sesso (perché, se non ve ne siete accorte, gliel’avete già data. Di solito tra le 12 e le 48 ore dal momento in cui lui si è palesato per avvelenare la vostra esistenza) e quella che voi credevate fosse solo una scopata (perché siete ragazze moderne e di stronzi ne avete già conosciuti tanti ma-figurati-se-me-ne-vado-sotto) diventa un volteggiare tre metri sopra il cielo fatto di sei-veramente-bella, sono-veramente-felice-che-ci-siamo-trovati, sei-un-libro-da-sfogliare-che-mi-piace-già-dalla-copertina, mi-interessi-veramente e chi più ne ha più ne metta.

Volete vomitare? Pensate che queste armi non funzionino con voi? I-L-L-U-S-E.

Perché a questo punto della triste vicenda voi pensate di avere il coltello dalla parte del manico, dite alle vostre amiche di volerci andare piano perché ormai non vi fidate di nessuno e, dopotutto, non sapete neanche se lui vi piace veramente, è tutto un sì-carino-ma-non-lo-so-forse-non-voglio-impegnarmi e pensate che lui se ne vada già in giro con il diamante in tasca o quasi, poveretto.
In poche parole non siete sicure di volerlo perché avete la certezza che lui abbia già deciso che voi siete la donna della sua vita. E invece STATE SOTTO e ancora non lo sapete.

E proprio nel momento in cui vi cullate nella sicurezza di essere al comando SBAM! L’S.M sferra il colpo finale: inizia a essere sfuggente e voi penserete “beh meglio così, stava correndo troppo e io non voglio legami, figuriamoci!”, poi comincia a sparire del tutto (a volte per sempre, solo nei casi in cui l’S.M. sia dotato di un barlume di pietà) e voi pian piano, senza neanche accorgervene, cominciate a imparanoiarvi sulle possibili motivazioni di questo repentino cambio d’umore; di solito le ipotesi spaziano dal colpo di fulmine con un’altra STRONZA (N.B. Nonostante nel delirio della sottaggine non sia facile, cercate di ricordare che non è l’ALTRA la stronza, è lui!), a un ritorno di fiamma con la ex che avete già abbondantemente stalkerato su facebook anche se, per carità, non ve ne frega nulla, per ridursi, infine, a una pietosa autocolpevolizzazione (“Oddio sarà perché gli ho detto questo? Forse pensa che io non ci tenga perché alla fine io non gli ho mai scritto, lui non sa mica che gli controllo gli accessi su whatsapp trentasei volte al giorno!”): NON FATELO! E, mi dispiace dirvelo ma a questo punto STATE UFFICIALMENTE SOTTO.

Ora si aprono diverse possibilità, a seconda dell’S.M. in questione; se chiedete dei chiarimenti vi propinerà una caterva di banalità che vanno dalla paura dei legami al non sapere “cosa vuole” al tanto temuto NON-SEI-TU-SONO-IO (allora sparati). Se fate finta di nulla e fingete che lui non abbia un disordine comportamentale finirete a elemosinare, prede di un minuetto di “ci sentiamo, ti scrivo io” buttati al vento, pizzicotti sul fianco, sguardi lascivi seguiti da NO sonori come uno schiaffone, ammorbamenti di amiche, stalking selvaggio nella sua sezione “aggiunti di recente”, bestemmie e gastrite.

Arrivate a questo punto voi siete totalmente allo sbando, non siete in grado di rendervi conto che, fuor di metafora, NON-GLI-INTERESSATE, vi chiedete perché, allora, si sia comportato come il sottone più sottone della storia? È un mistero, ve l’avevo preannunciato. Ed è probabile che vi sentiate anche delle stupide perché ci siete cascate, perché eravate voi che all’inizio non eravate poi così coinvolte. Tranquille, anche le migliori sbagliano.

Vi direi di condannare il sospetto S.M. a morte (ovvero a fanculo) fin dai primi segnali, senza processo, ma so che raramente abbiamo la lucidità di accorgercene e il coraggio di farlo.
Pertanto, mettete sempre voi stesse al primo posto, prendete sempre con le pinze ciò che vi dice un belloccio appena conosciuto e, se necessario, siate voi le stronze merda.
Ma così rischiate di farlo andare sotto? BEH, MEGLIO LUI CHE VOI!

Fallo sapere anche su:




Nessun Commento

Area Commenti Chiusa.